mafalda.gif
E’ da un pezzetto che mi arriva un sacco di spam con oggetto “PHAtzwRMACY” o roba del genere, contenente in genere una frase in un incomprensibile pseudo-inglese che più o meno mi informa della possibilità di comprare farmaci al 50% del prezzo del mercato.

Fino ad un po’ di tempo fa l’oggetto principale dello spam erano le cure o i medicinali (falsi) per risolvere problemi sessuali o incrementare le prestazioni o le dimensioni del pene.
Questo era facilmente comprensibile secondo me, dato che, come insegna Freud, tutto è legato al sesso (secondo me lui esagerava un po’, comunque…) e basta poco per scatenare nell’uomo qualche complesso e convincerlo di aver realmente bisogno di cure; a quel punto è molto più facile e riservato cliccare un link su internet che non rivolgersi ad un medico vero e dover raccontare cose imbarazzanti… ed ecco fatto l’affare per il committente dello spammer!
Tanto più che se poi il farmaco non funziona (come probabile) è molto difficile che il gabbato intenti una causa esponendosi al pubblico ludibrio.

Il fatto che ora lo spam sia orientato ai farmaci generici mi fa riflettere sullo stato dell’umanità, o almeno del “mondo occidentale”: per la maggior parte delle persone quella dei farmaci è diventata una mania, prendiamo farmaci per ogni cosa, se ci fa male un dente, se ci sentiamo stanchi, se l’esame è andato male, se non dormiamo la notte o se non stiamo svegli il giorno.
Non è che per caso siamo un po’ tutti presi per il naso come il tipo di prima con Freud? Davvero esiste la depressione come malattia? O se la inventano i medici per vendere il prozac? E la “sindrome da deficit dell’attenzione e iperattività”,che colpisce i bambini in tenera età ed i cui sintomi si riconoscono dal fatto che i bambini non stanno attenti, fanno casino e non danno retta? Fino a prima della “scoperta” di questa “sindrome” si tendeva a preoccuparsi quando i bambini erano mogi e non rompevano niente… adesso invece ai bambini vivaci si danno le ANFETAMINE per sedarli!

Ha ragione Mafalda, il mondo è malato, e la sua malattia sono i soldi.

Annunci