Sono reduce, insieme a Pietro (nella foto), da una settimana di windsurf intensivo a Porto Liscia, in Sardegna.

Nonostante l’inizio della vacanza non promettesse granchè bene (ci hanno cambiato il traghetto ed il giorno prima di partire mia cognata ha avuto un bell’incidente in motorino), la settimana è filata liscia, anzi: Liscia 😉

Dalla mattina del Martedì, il giorno successivo al nostro arrivo, ha cominciato a soffiare un bel Ponente che ci ha poi accompagnato per tutta la settimana variando un po’ di intensità, ma sempre permettendoci di fare delle belle planate.

In pratica abbiamo usato tutto il range di vele che avevamo, dalla 6.3 il primo giorno fino alla 4.2 il Giovedì, ed ovviamente abbiamo fatto sempre il possibile per essere soprainvelati 🙂

Abbiamo conosciuto un simpatico genovese di nome Marino, che negli anni ottanta era un istruttore certificato Mistral, e che ci ha preso in simpatia ed è diventato il nostro personal trainer
Sarà stato il trainer, sarà stata la pratica reiterata, fatto sta che ho imparato finalmente a chiudere decentemente delle strambate quasi in planata 🙂

Per contro, Pietro ha finalmente risolto il problema di assetto che lo affliggeva da un po’, sostituendo le due strap di poppa con una sola.

Il “campeggio” è stato molto libero, nel senso che abbiamo dormito nel parcheggio davanti alla spiaggia, con un sistema abbastanza efficiente di cambio di assetto viaggio/sonno, consistente nel mettere le tavole e gli alberi sotto al furgone, le vele tra i sedili anteriori, i boma sul sedile del passeggero e dormendo in mezzo a tutta questa roba umida 😀

Annunci