Da un po’ di tempo mi sono dotato di un navigatore satellitare TomTom One; oltre ad essermi un po’ pentito della scelta (ho scoperto tardi che sul Garmin si possono mettere le mappe OpenStreetMap), mi sono accorto che su internet si parlava di alcune funzioni che sul mio dispositivo erano assenti, in particolare la possibilità di pianificare percorsi a più tappe.

Ravanando per la rete ho scoperto che questa possibilità era presente, seppur nascost,a nelle versioni del navcore fino alla 7.xxx, mentre nelle versioni 8.xxx è stata rimossa completamente. Ho scoperto inoltre che le mappe 8.15 in dotazione al mio dispositivo possono essere lette anche dai navcore 7.9xx.

Che dire… DOWNGRADE!

Mi sono procurato un aversione 7.903 del navcore (su internet si trovano, anche se ho dubbi sulla legalità…) e l’ho sostituita nel dispositivo, ho ripetuto l’inizializzazione e tutto è andato a posto.
La funzione di pianificazione, come scritto sopra, è nascosta di default, ma si può tirar fuori utilizzando un menu personalizzato, ottenibile facilmente con dei tool online come questo, inserendo l’icona “Pianificazione Itinerario”.
Se si utilizzano nel TomTom applicazioni di terze parti, come per esempio FuelControl o la calcolatrice, col menu personalizzato le icone di avvio di questi programmi non compaiono più; è sufficiente modificare il file tomtom.mnu aggiungendo delle righe come queste:

MENUITEM|TASK_SDK1|
MENUITEM|TASK_SDK2|
MENUITEM|TASK_SDK...|

e così via fino al numero di applicazioni installate. Se se ne mettono troppe, le applicazioni “fanno il giro” e ricompaiono dalla prima, niente di grave insomma.

Altre cose che si perdono utilizzando il  navcore 7 sono:

  • la possibilità di correggere le mappe
  • il pulsante “aiuto”
  • il cursore personalizzato al posto della freccia blu.

La prima non mi interessa: se devo lavorare gratis, lo faccio per OpenStreetMap, non per Teleatlas.
La seconda, ancora non ho capito a cosa serva…
La terza si può correggere mediante un intuitivo programmino francese (solo per windows) scaricabile da qui.

Ora viene il bello: tutto questo sbattimento solo per avere la possibilità degli itinerari programmati? Beh, se per programmarli si usa Google Maps, la faccenda assume tutta un’altra faccia 😀

Grazie al lavoro di tale Houghi è possibile creare l’itinerario sulle mappe di Google, copia-incollarne l’indirizzo (l’URL, non facciamo confusione) nell’apposito tool, per ottenere il file .itn da inserire nella cartella /itn del Tomtom, pronto per essere percorso. Bello vero?

Riguardo ai due software linkati sopra, Calculator e FuelControl, ho realizzato al volo un paio di temi grafici per farli apparire meglio sullo schermo piccolo del TomTom One, chi è interessato li può scaricare dai seguenti link:
tema per Calculator

tema per FuelControl

Annunci