Oggi ho imparato a mie spese come si decolla col vento forte.
Inizialmente ho tirato su la vela normalmente, alla francese, in un momento di pausa delle raffiche, ma l’abitudine ha prevalso e mentre mi stavo per girare ho toccato un po’ i freni. La vela è andata indietro di lato, e mi ha strascicato per un bel pezzetto di pendio (sconnesso e pietroso), ruzzolandomi ben bene.

Dopo aver ridisteso la vela al suo posto ed aver controllato gli eventuali danni (nessuno, per fortuna), Giovanni mi ha dato due utilissime dritte sulla gestione dell’ala col vento forte: innanzitutto è meglio gonfiarla tenendo solo i cordini centrali delle bretelle “A”, in modo che si gonfi bene dall’interno verso l’esterno e più lentamente, senza strappare. In secondo luogo la si può controllare tenendo un po’ in tirare le bretelle “C”, in modo da rompere il profilo alare ed impedirle di volare; così facendo si riesce a gonfiare ed anche sollevare fino sopra alla testa evitando di decollare o di farsi strappare indietro.

Un sentito grazie a Giovanni per l’assistenza e le dritte 🙂

Annunci