Archivio degli articoli con tag: Monterosso

Una mia foto della scorsa gita a Monterosso, questa, è andata a finire su Facebook ed ha suscitato l’interesse di un gruppo di volatori che frequentano il posto.
Tale gruppo si è organizzato con mazze, picconi, paranchi, gruppo elettrogeno, mola, decespugliatori  ed infine anche un verricello, per fare un’operazione di “democrazia coatta cingolata dal basso”, deliberando che il decollo andava ripulito, e stamattina ci siamo trovati lì per mettere in pratica i buoni propositi.

Mi tocca ammettere, un po’ controvoglia, che anche Facebook può avere la sua utilità 😉

Queste le foto del decollo prima e dopo le operazioni (altre foto del durante le aggiungerò all’album quando mi arrivano):

PRIMA

DOPO

Domenica siamo tornati a volare a Monterosso.


Io avevo un po’ di dubbi, perchè pensavo che fosse brutto volare e divertirsi sulle teste di gente che aveva subito delle disgrazie, ma l’accoglienza dei locali è stata molto calorosa, addirittura il tassista che ci ha riportato in decollo ha detto che riportavamo un po’ di allegria e di normalità nelle loro vite 🙂

L’annuncio della ripresa voli da parte della Federazione, sommato alle ottime previsioni meteo, hanno attirato un sacco di gente da tutta la Toscana, la Liguria e l’Emilia, ad occhio e croce ci saranno state una trentina di vele, tra le quali ho ritrovato con piacere quelle pilotate dagli amici Sergio e Franco da Grosseto.

Il primo decollo l’abbiamo fatto un po’ presto, le condizioni erano ancora deboli nonostante la giornata promettesse bene, e dopo poco più di mezz’ora eravamo di nuovo tutti a terra, tranne come al solito Giovanni.
Dopo un veloce spuntino siamo tornati in decollo col taxi e ci siamo preparati al secondo volo; il mio è stato meraviglioso: ignorando la scelta dei più, che si dirigevano subito a far dinamica su Punta Mesco, dopo aver girato una movimentata termica sopra al decollo sono andato verso sud, ad affacciarmi su Vernazza, per poi tornare indietro e percorrere tutto l’anfiteatro alle spalle del golfo, fino a raggiungere anch’io Punta Mesco ancora in tempo per farci qualche passaggio prima del tramonto.
La soddisfazione di fare un volo senza seguire nessuno, dipendendo esclusivamente dalle proprie decisioni e valutazioni, secondo me è impagabile!

Sto pian piano cominciando ad abituarmi alla mia nuova vela, che mi regala prestazioni molto maggiori di quelle a cui ero abituato, ma con un paio di belle chiusure frontali mi ha anche ricordato di avere molta prudenza e non farmi prendere troppo la mano.

In volo ho fatto anche qualche foto, peccato che avessi lasciato la macchina impostata su macro

 

Ieri sono finalmente riuscito a volare a Monterosso!
le condizioni erano molto buone, per essere Ottobre inoltrato, e anche se la quota massima raggiungibile non era altissima, c’erano termiche generose anche fino a +4 m/s.

Il primo volo l’ho “sbagliato”, nel senso che dopo essere salito un po’ sopra al decollo, sono andato a cercare termiche verso nord, nella speranza di fare un po’ di dinamica sul costone del Monte Rosso, ma un po’ per timore ad andare troppo nell’interno (la Liguria è veramente avara di atterraggi!), un po’ per sfortuna, non ho trovato niente e sono dovuto andare ad atterrare in spiaggia.
Il mio primo atterraggio in una spiaggia cosparsa di bagnanti è andato benone, ma non è stato privo di adrenalina: c’era sempre il timore di sbagliare manovra ed atterrare addosso a qualcuno. Mi immagino come possa essere in primavera, quando la spiaggia è davvero piena!

Non soddisfatto dal primo volo, ho diviso le spese del taxi con un altro ragazzo e siamo tornati in decollo; per dovere di anzianità, gli ho dato la precedenza al decollo (aveva il brevetto da solo sei mesi, contro il mio anno e mezzo…) e gli ho fatto assitenza, poi sono decollato io.
Subito dopo il decollo lui era più alto di me e girava bene in termica, ma nel tempo che ci ho messo ad agganciare la termica anch’io, si era già diretto all’atterraggio, quindi sono rimasto solo soletto in aria.
Ho fatto i miei giri, mi sono affacciato su Vernazza, ho raggiunto i 1000m di quota dai quali si vedevano tutte le Cinque Terre, sono tornato sul decollo e dopo un po’ sono andato in atterraggio.
La spiaggia era già in ombra e la gente se n’era andata, ma sulla passeggiata c’era ancora un bel numero di turisti; quando ho poggiato i piedi in terra è partita una scarica di flash come quelle che si vedono allo stadio, e poi mi hanno fatto l’applauso!
Ho fatto un bell’atterraggio, è vero, ma addirittura l’applauso! 😀
Ovviamente non ho voluto deludere il pubblico ed ho fatto un bell’inchino, ma la situazione è stata veramente bizarra 😀